sabato 21 novembre 2020

SCRATCH








Per cominciare a creare con SCRATCH 

per prima cosa dovete scaricare il programma.

Se avete un pc windows, il link dove scaricare è questo:

https://scratch.mit.edu/download/scratch2

Vi consiglio di scaricare la versione 2.0 perché è più veloce. 

Una volta scaricato il programma 

non avrete più bisogno della connessione internet 

perché ci si può divertire offline.

Se invece avete un tablet, 

non dovete far altro che cercare nell'appstore "scratch"


Ora proviamo a riprodurre ciò che abbiamo 

fatto in classe. Siete pronti?

Abbiamo deciso di creare un acquario 

pieno di pesciolini che si muovono.


UN ACQUARIO CON TANTI PESCI …NIENTE ACQUA


Ricordate come abbiamo fatto in classe?

1) Per prima cosa eliminiamo Scratch (il gatto).

2) Ora scegliete un acquario come STAGE (cioè come sfondo).

3) Scegliete un pesce come SPRITE (cioè come personaggio). 

     Ricordati che puoi cambiare le dimensioni di ogni pesce 

     che hai scelto. 

4) A questo punto dobbiamo creare uno SCRIPT (cioè un codice) 

     per fare in modo che il pesce si muova all'interno dell'acquario.

     Con questo SCRIPT il pesciolino si muoverà nell'acquario e

     quando tocca il bordo tornerà indietro.   

     Per evitare che il pesciolino si capovolga  a testa in giù 

     dopo aver toccato il bordo, inseriamo il comando 

     "usa stile di rotazione sinistra-destra".

     Ecco lo script che abbiamo programmato in classe:



5) Per rendere ancora più bello e d'effetto il nostro lavoro, 

     abbiamo riprodotto il suono "bubbles

     programmando il seguente script:






Ora se avete voglia, date sfogo alla vostra fantasia:

divertitevi a inserire nuovi SPRITE nell'acquario

(una medusa, uno squalo, un granchio...)

e provate con ad animarli con uno SCRIPT.

BUON DIVERTIMENTO !

mercoledì 11 novembre 2020

AUTUNNO IN POESIA

ABBIAMO RACCONTATO L'AUTUNNO

IN MUSICA, PAROLE E DISEGNI.

LA MUSICA E' STATA COMPOSTA IN CLASSE,

TUTTI INSIEME, COL PROGRAMMA "GARAGEBAND" ,

ABBIAMO SCELTO DEI VIOLINI, UNA VIOLA E IL PIANOFORTE.

OGNUNO DI NOI HA SCRITTO UNA POESIA.

INFINE ABBIAMO REALIZZATO DEI DISEGNI

SECONDO IL NOSTRO SENTIRE.


QUESTO E' IL RISULTATO:





Foglie che volano colorate.

Profumo di bosco.

Nell’aria rumori di temporali.

L’autunno è un bambino dolce

che sta al caldo sotto le coperte.

Chiudo gli occhi.

E sogno.

                       [Gabriele]


                                                                         Le foglie danzano.

                                                                         Cambiano i vestiti del bosco.

                                                                         Tane sugli alberi: letargo.

                                                                         Le foglie scricchiolano sotto l’albero.

                                                                         Il sole se ne va e la pioggia arriverà.

                                                                                                                      [Elisa]

Alberi invecchiati,

rami secchi spogli di foglie.

Umido e grigio.

Profumo di camini e caldarroste.

Odori di agrumi nell’aria

riscaldano il cuore.

Tepore d’autunno.

                            [Giulia]


                                                                              Danzano leggere.

                                                                              Il mio cuore si fa cullare

                                                                              al lento volteggiare.

                                                                                                   [Leonardo]


Giallo rosso e oro: colori d’autunno.

Fuori fa freddo ma il mio cuore è caldo.

Adoro l’autunno.

                           [Samuele]

                                                                Foglie cadenti come stelle brillano oro.

                                                                Alberi nudi su un tappeto di foglie secche.

                                                                Il vento consiglia riposo agli animali.

                                                                Tutto dorme, lentamente…

                                                                                                              [Sofia C.]

L’autunno è lento.

Le foglie cadono.

L’ acqua si  ghiaccia.

Noi battiamo i denti senza contentezza

e ogni giorno è una diversa debolezza.

                                  [Nicola]

                                                                         Sotto le coperte al calduccio

                                                                         ascolto l’autunno arrivare.

                                                                         Guardo la pioggia:

                                                                         scende come una stella cadente

                                                                         e picchietta sul tetto.

                                                                         Autunno: tramonto arancione.

                                                                                                             [Giulietta]

Il vento le foglie sul cortile fa cadere

e tutti noi le vogliamo vedere.

Gialle rosse arancioni

le immagino di tutti colori.

Il melograno perde i suoi semi rossi

e io mi mangio quelli più grossi.

Gli animali vanno in letargo per dormire

perché l’inverno sta per venire.

                                          [Chiara]

          

                                                                              Foglia cadente,

                                                                              leggera con un velo.

                                                                              Nuvole nel cielo

                                                                              che ti diverti ad immaginare.

                                                                              La mia preferita è la pecorella

                                                                              tra tutte la più bella.

                                                                                               [Samuel]


Cadono, scendono,

cambiano colore.

Volano nel cielo 

grigio profondo.

Passano i giorni.

Libere nella notte.

Foglie.

                 [Matilde]

                                                                               Oro melagrana, zucca arancione:

                                                                               è la frutta di questa stagione.

                                                                               Foglie e colori,

                                                                               profumi e odori.

                                                                               Tutto diventa lento

                                                                               aspettando il lungo inverno.

                                                                                                 [Azzurra]

Un grappolo di uva matura,

la nebbiolina scura.

Il sole è un po’ stanco,

io sto seduta sul banco.

L’arietta frizzantina

di sera e di mattina.

Di cosa sto parlando?

L’ autunno sta arrivando.

                       [Melissa]

                                                                         Profumo di bosco,

                                                                         di terra bagnata.

                                                                         Foglie che scricchiolano sotto i piedi.

                                                                         Tempi lenti e cielo grigio.

                                                                          Il mio cuore batte piano.

                                                                                                     [Manuel]

L’autunno è arrivato.

Profuma di uva matura e di castagne.

I bambini corrono a scuola felici

per conoscere un mondo di amici.

                        [Sofia M.]

                                                                               Colori di foglie,

                                                                               tramonti di sole.

                                                                               Castagne, funghi.

                                                                               Insieme vicini al camino.

                                                                               Autunno.

                                                                                                   [Anna Azzurra]

Soffia forte il vento.

Cielo grigio.

Un treno lento all’orizzonte…

Foglie stellate.

Animali in fuga.

Caminetto rosso rubino.

Il tempo scorre pigro.

                      [Filippo]

                                                                       Foglie in giardino gialle, marron 

                                                                       e viola come il vino.

                                                                       Il vento le fa volare,

                                                                       sembrano danzare.

                                                                       Il fuoco acceso fa caldo,

                                                                       le castagne stanno scoppiettando.

                                                                       Un cesto di funghi profumati:

                                                                       colori pitturati.

                                                                       Caminetti accesi, legna sul fuoco,

                                                                       autunno ancora per poco.

                                                                                                                  [Laura]

giovedì 8 ottobre 2020

IL PIANO CARTESIANO

                                   









TANTO TEMPO FA,

NEL 1600 CIRCA,

UN MATEMATICO E FILOSOFO FRANCESE

RENÉ DESCARTES (RENATO CARTESIO)

STUDIO' IL PIANO CARTESIANO.



IL PIANO CARTESIANO È UN SISTEMA DI RIFERIMENTO 

FORMATO DA DUE RETTE 

CHE SI INTERSECANO (INCROCIANO) 

IN UN PUNTO CHIAMATO ORIGINE

 

A COSA SERVE IL PIANO CARTESIANO

SERVE AD INDIVIDUARE UN PUNTO PRECISO.

 



IL PIANO CARTESIANO, ED È FORMATO DA:


  •  L'ASSE DELLE ASCISSELA RETTA ORIZZONTALE, CHIAMATA ANCHE LONGITUDO, E INDICATA  CON LA LETTERA X;

  • ASSE DELLE ORDINATE, LA RETTA VERTICALE,CHIAMATA ANCHE LATITUDO, E INDICATA CON LA LETTERA Y;

  • L'ORIGINE, INDICATA CON O, È IL PUNTO NEL QUALE LE DUE RETTE SI INCONTRANO.

 

 

 

VOLETE SAPERE IN CHE MODO CARTESIO 

INVENTÒ QUESTO SISTEMA DI RIFERIMENTO?

 

CARTESIO ERA UN UOMO 

DI GRANDE CULTURA E INTELLIGENZA 

MA GRACILE DI SALUTE. 


IN UN GIORNO IN CUI LA FEBBRE 

LO AVEVA IMMOBILIZZATO 

TRA LE CALDE COPERTE DEL SUO LETTONE 

VIDE UNA MOSCA CHE SI SPOSTAVA NEL SOFFITTO 

SENZA DIREZIONE ALCUNA.

 

CARTESIO ERA UN FANCIULLO DAI GRANDI OCCHI SCURI, SEMPRE SPALANCATI (OVVIAMENTE NON DI NOTTE) 

ALLA RICERCA DI UN PARTICOLARE 

DA CUI POTESSE NASCERE 

UNA SCOPERTA STRAORDINARIA. 

VIVEVA A LE HAYE, 

UN PICCOLO PAESE NEL CENTRO DELLA FRANCIA.


IL PICCOLO RENATO STARNUTIVA E TOSSIVA, 

MA, ALLA VISTA DELLA MOSCA, 

EBBE UN SUSSULTO DI GIOIA. 

PRESE SUBITO CARTA E MATITA 

(LE TENEVA NEL COMODINO ACCANTO AL LETTO) 

E DECISE DI COMPRENDERE 

LA TRAIETTORIA DELL'INSETTACCIO. 

 

AD UN CERTO PUNTO CARTESIO  

CHIAMÒ A GRAN VOCE LA MAMMA CHE 

ACCORSE SUBITO IN CAMERE PREOCCUPATA 

DA QUELLE GRIDA: 

PENSAVA CHE IL FIGLIO FOSSE IN PERICOLO DI VITA!



NATURALMENTE CARTESIO 

NON STAVA MORENDO

MA STAVA INVENTANDO UN SISTEMA DI RIFERIMENTO IMPORTANTISSIMO PER LA MATEMATICA, 

PER LE COORDINATE GEOGRAFICHE, 

PER LA NOSTRA VITA.


NACQUE COSÌ IL PIANO CARTESIANO ORTOGONALE 

O SISTEMA DI RIFERIMENTO OXY 

(O=ORIGINE; X= ASCISSA; Y= ORDINATA).





COME PROMESSO, 

SE CLICCATE IL LINK QUI SOTTO

SI APRIRÀ UN’ALTRA PAGINA 

DOVE POTRETE 

GIOCARE ED ESERCITARVI 

SUL PIANO CARTESIANO. 

BUON DIVERTIMENTO E BUONE COORDINATE.


PER IL GIOCO CLICCA QUI



LA STORIA DI JACK O’LANTERN

 COME CI SIAMO DETTI A SCUOLA,

PER LUNEDI': LEGGI ALMENO 3 VOLTE IL RACCONTO 

E SUL QUADERNO RIASSUMI LA STORIA.

(PIU' TARDI TROVERETE LA LEZIONE E I GIOCHINI SUL PIANO CARTESIANO ;-) )



MOLTI MA MOLTI ANNI FA, IN IRLANDA, 

VIVEVA UN UOMO DI NOME JACK. 
ERA UN TIPO MOLTO SCHIVO CHE PASSAVA TUTTO IL TEMPO NELLE TAVERNE DEL SUO PAESINO PER LO PIÙ A BERE. 

ERA UN UOMO MOLTO AVARO, E PER QUESTO AL SUO TAVOLO ERA SEMPRE SOLO, PERCHÉ NON VOLEVA MAI OFFRIRE DA BERE A NESSUNO. 

PER LO STESSO MOTIVO, DA ANNI RIFIUTAVA OGNI INVITO PER PAURA CHE POI AVREBBE DOVUTO RICAMBIARE.


QUANDO, ORMAI VECCHIO, ARRIVÒ IL MOMENTO DI MORIRE, JACK ERA ANCORA SOLO. IN TUTTA LA SUA VITA NON AVEVA MAI AVUTO UN AMICO. ANCHE AL SUO FUNERALE NON ANDÒ NESSUNO, OLTRE AL PRETE E AL BECCHINO. 

COSÌ JACK FU SEPOLTO E LA SUA ANIMA SALÌ AL CIELO. 

SI PRESENTÒ ALLA PORTA DEL PARADISO E CHIESE DI POTER ENTRARE. 
SAN PIETRO, PERÒ, LO CACCIÒ VIA A CAUSA DELLA SUA AVARIZIA, E GLI CONSIGLIÒ DI PROVARE ALLA PORTA DELL’INFERNO.

COSÌ JACK SI PRESENTÒ DAL DIAVOLO, CHIEDENDO ALMENO LÌ DI ESSER LASCIATO ENTRARE. 
ANCHE IL DIAVOLO, PERÒ, NON LO VOLEVA E ANZI LO CACCIÒ VIA IN MALO MODO, TIRANDOGLI DIETRO TIZZONI ARDENTI. 
A CAUSA DEL BUIO CHE LO CIRCONDAVA IN QUEL LUOGO, FUORI SIA DA INFERNO CHE PARADISO, JACK FU COSTRETTO A RACCOGLIERE UNO DI QUESTI TIZZONI E A INFILARLO IN UNA ZUCCA CHE TROVÒ SUL SUO CAMMINO, PER FARSI LUCE.

IN QUESTO MODO RITORNÒ SULLA TERRA, VISTO CHE NESSUNO LO VOLEVA. 
E DA ALLORA VAGA DI CASA IN CASA, DI NOTTE, CON LA SUA LANTERNA SEMPRE ACCESA, CERCANDO OSPITALITÀ. 
COSÌ, SE IN UNA NOTTE MOLTO BUIA DOVESTE VEDERE UNA PICCOLA LUCE ARRIVARE DA LONTANO, STATE MOLTO ATTENTI: SI POTREBBE TRATTARE DELL’ANIMA PERDUTA DI JACK O’ LANTERN!








lunedì 5 ottobre 2020

IL TRUCCO DEI VECCHI INDIANI D'AMERICA! AUGH

IO ESSERE GRANDE CAPO INDIANO, AUGH!

IL MIO NOME ESSRE "SAGGIO LUPO CHE GUARDA LA LUNA".

QUANDO TU, GIOVANE BAMBINO, NON SAPERE SE METTERE

E OPPURE E' USA MIO TRUCCO:

SE AL POSTO DELLA E CI STA BENE "ESSERE", METTI L'ACCENTO,

SE NON CI STA BENE NON METTERE L'ACCENTO.


AGGIUNGI AL POSTO DEI PUNTINI E OPPURE E'.


1) MAESTRA TERESA .... MAESTRA GABRI HANNO PROMESSO UNA STELLINA AI BAMBINI    .... ALLE BAMBINE CHE ESEGUIRANNO BENE IL COMPITO.  .... IMPORTANTE PERO' CHE NON CI SIA NEPPURE UN ERRORE.


2) ...... AUTUNNO! IL CIELO ..... GRIGIO .... TRA NON MOLTO PIOVERA'.


3) SAMUELE ... MELISSA SONO MOLTO AMICI. 

    .... BELLO VEDERLI GIOCARE INSIEME.


4) CHIARA, MATILDE ... GIULIA SONO SORELLE, SONO TUTTE .... TRE MOLTO BELLE.


5) LA MATITA .... SPUNTATA .... DEVO TEMPERARLA. 


BUON LAVORO E BUON VIDEO. 

A DOMANI BAMBINI BRUTTINI  MA INTELLIGENTI!




lunedì 28 settembre 2020

LINE RIDERS MUSIC


BAMBINI, ECCOCI NUOVAMENTE QUI.

COME PROMESSO TROVATE QUI SOTTO

IL VIDEO DA COMMENTARE.

BUON LAVORO A TUTTI E...

RICORDATEVI DI SCRIVERE IL VOSTRO NOME

SOTTO IL  COMMENTO!